Self-care e yoga: 3 +3 rituali prima e dopo la pratica

Self-care e yoga: 3 +3 rituali prima e dopo la pratica

Scritto da Antonella Bartoli 

Antonella Bartoli è un’insegnante yoga certificata. Pratica da oltre 15 anni Ashtanga, Hatha, Vinyasa e insegna Yin, Ashtanga e Vinyasa yoga. Frequenta costantemente corsi di approfondimento all’insegnamento con i suoi maestri, in giro per il mondo. Antonella studia anche danza contemporanea, in stile Cunningham, da oltre 15 anni.

La pratica dello yoga richiede certamente dedizione, cura e costanza. Non è certo una novità!

Si parla di piena realizzazione del Sé, proprio grazie alla pratica. Un percorso che porta a confrontarsi con la parte più intima e profonda del Sè. 

Silenzio, calma, pace, sono parole che anche grazie alla pratica assumono un significato. reale

Mi succede quando mi sveglio presto la mattina e pratico con il silenzio fuori, in una città ancora deserta, e dentro, nel corpo e nella mente non ancora sollecitati dai mille input.

Ma la pratica delle asana, posture, non è l’unico aspetto da prendere in considerazione per raggiungere lo stato di calma e quiete. 

Secondo Patanjali negli Yoga Sutra esistono ben 8 tappe, 8 stadi per raggiungere l’ultimo, il Samadhi, ovvero l’illuminazione, la pienezza, la consapevolezza, quella sensazione interna ed esterna di luminosità.

Tra le osservanze (Nyama), c’è Sauca, la purezza, sia fisica che mentale. Da un lato quindi la purificazione del corpo (tra cui nadi shodana, ovvero la respirazione a narici alternate) e anche il riequilibrio dei chakra, dall’altro la purezza del pensiero e delle intenzioni.

Oggi parliamo della purificazione del corpo per prepararsi alla pratica o semplicemente per raggiungere uno stato di benessere psico fisico.

Partiamo dalle cose semplici, perché è da qui che si inizia per arrivare poi al resto!

Vi è mai capitato di sentirvi più a vostro agio dopo una bella doccia o dopo un bagno caldo ancora meglio se profumato? L’acqua purifica, rinfresca o scalda a seconda della temperatura. La fragranza aiuta a rilassare o a riattivare corpo e mente. Questa sensazione di piacere è la stessa che provo quando seguo alcuni rituali sia prima che dopo la mia pratica. Mi sembra di sentire il corpo ancora più vivo che mai. Vi capita mai?

Quello che faccio prima della pratica :

  1. Utilizzo una spazzola a secco per tutto il corpo o faccio una doccia inizialmente calda e l’ultimo minuto fredda.
  2. Massaggio le tempie con un olio essenziale (la lavanda rilassa, il timo ed eucalipto attivano). La pratica di auto massaggio è un sogno, lo consiglio vivamente in tutto il corpo!
  3. Spalmo una crema profumata facilmente assorbibile sui palmi delle mani e la inalo con profondi respiri durante la pratica di pranayama

Dopo la pratica:

  1. Faccio un bagno o doccia calda con un olio lavante che idrata la pelle 
  2. Idrato il corpo con un burro idratante (la mia pelle si secca facilmente) massaggiando con cura, le gambe dal basso verso l’alto, la pancia in senso circolare. 
  3. Dedico particolare attenzione ai piedi, con massaggi profondi e prolungati, almeno 10 minuti per piede

Se hai dubbi o domande sono qui per risponderti!

Per scoprire altri consigli su come preparare lo spazio per la pratica dello yoga leggi il mio articolo.

Share this post

CERCA IN TUTTE LE CATEGORIE

Carrello

Nessun prodotto nel carrello.