I probiotici sono davvero la risposta per una pelle più sana?

I probiotici sono davvero la risposta per una pelle più sana?

Mantenere una pelle sana può essere più un’arte che una scienza esatta. Come l’organo più esteso del corpo, la pelle costituisce la nostra principale barriera verso il mondo esterno. La sua resilienza è davvero fenomenale, specie se pensiamo a quello che assorbe e ciò a cui è costantemente esposta. Elementi atmosferici, inquinamento, disidratazione…per non parlare delle abitudini tipiche delle nostre vite sempre più frenetiche.

Non esiste una guida definitiva dei “do’s” e dei “don’t”. Ogni caso è del tutto unico e una delle discussioni più recenti e importanti riguarda l’importanza di una dieta ricca di probiotici, sotto forma di cibo, bevande o integratori, come un’abitudine chiave per contribuire positivamente al suo aspetto, da dentro a fuori.

Kefir-Grains

La nostra opinione? Come già detto, ognuno di noi è un caso a se’. Ma una cosa è certa: la connessione tra intestino sano e benessere è sempre più chiara. Al punto che l’intestino è stato definito dalla scienza come il nostro secondo cervello!

IL RUOLO DEI PROBIOTICI

È innanzitutto fondamentale capire cosa definisca un “intestino sano”. E come i probiotici possano contribuire a mantenere o migliorare il suo stato di salute con benefici che si estendono anche alla pelle.

Il tratto intestinale è popolato da un enorme numero di batteri, stimato nell’ordine dei 10 trilioni. La loro funzione è quella di supportare la digestione, mantenere in salute il nostro sistema immunitario e tenere a bada i batteri nocivi come lieviti, funghi e virus di vario genere. Un intestino sano ospita una varietà eterogenea di batteri in un equilibrio molto complesso. In cui i “bravi ragazzi” superano la quantità dei “cattivi ragazzi”.

DALL’INTESTINO ALLA PELLE

I probiotici sono micro organismi viventi simili agli altri batteri che popolano il nostro organismo. Purtroppo la dieta contemporanea ne è sempre più povera, anche a causa dell’abbondanza dei pesticidi utilizzati in agricoltura (che tendono a decimarli).

Parlando di pelle, le nostre abitudini in fatto di pulizia finiscono per rimuovere ogni tipo di batteri, anche quelli più benefici per la sua salute. Questo non significa che esfoliazione e sostanze chimiche sono l’unica causa del problema. Ma sarebbe bene stare attenti a uno stile di vita e a un regime beauty totalmente antibatterici.

La nostra flora batterica dovrebbe normalmente attivare l’esercito dei batteri buoni per contrastare gli effetti dell’infiammazione. A meno che non comincino a scarseggiare. Ecco perché è essenziale supportarne il corretto equilibrio all’interno del corpo. Problemi cutanei come l’acne, la rosacea e gli eczemi – in forma più o meno grave – possono essere l’espressione dell’infiammazione causata da questi disequilibri. Ristabilire lo stato ottimale, anche attraverso l’assunzione di probiotici, può essere fondamentale per minimizzare gli effetti.

UN BOOST DI PROBIOTICI

Individuare prodotti davvero utili ed efficaci per mantenere l’equilibrio batterico dell’intestino e del corpo può essere piuttosto difficile. I probiotici di qualità non vanno ad esempio confusi con gli yogurt da bere iper zuccherini spesso promossi dalla pubblicità.

Ci sono moltissime alternative sotto forma di integratori alimentari ma è fondamentale individuare prodotti davvero efficaci. Noi abbiamo scelto Heal di Depuravita. HEAL è una formula di probiotici e prebiotici in capsula “tutto in uno”.

Contiene una miscela unica di Bacillus Coagulans e fagiolo Guar che svolgono un’azione calmante ed equilibrante sull’intestino.

Mantenere in salute il microbioma intestinale influisce positivamente sul nostro benessere generale. Un intestino sano serve a rafforzare le difese immunitarie e ad influire positivamente sull’umore, rende la pancia più piatta e migliora il tono della pelle.

Il Bacillus Coagulans è un probiotico e serve per arricchire la flora batterica di nuove energie, con miliardi di spore buone. Il fagiolo Guar è una delle forme di fibra più solubili esistenti che aiuta a regolare la digestione, compensare i picchi di appetito, mantenere la pancia sgonfia.

Scopri subito HEAL!

ALIMENTI FERMENTATI: NON SOLO UNA QUESTIONE DI HYPE

Non possiamo certo assicurarti che con l’assunzione regolare di probiotici risolverai ogni problema cutaneo. È tutto decisamente più complesso di così e siamo solo agli albori degli studi che cercano di comprendere la complessità del microbioma. Ciò nonostante possiamo dirti che aumentarne la dose possa beneficiare l’intero organismo. Pelle compresa!

Una fonte ricca e molto sana di probiotici è costituita anche da cibi fermentati come miso, kimchi, crauti. E da bevande come kefir e kombucha.

Si tratta di alimenti dal gusto ricco e intenso che possono essere cruciali se stai cercando di inserire una buona fonte di probiotici nella tua dieta. Ancora più interessante è cercare di produrli a casa, partendo da culture batteriche specifiche e di qualità.

Se ti incuriosisce provare una ricetta semplice per un cibo fermentato fatto in casa, ti consigliamo di partire, ad esempio, dalla ricetta per preparare i crauti che trovi qui sotto. Secondo noi è il modo più facile e gustoso di aumentare l’assunzione di probiotici e ti basteranno solo un paio di ingredienti. Il risultato? Un ingrediente saporito e sano da aggiungere alle tue insalate o da servire come contorno.

CRAUTI HOMEMADE

Print This
Serves: 4 cup Prep Time:

Ingredients

  • 1 cavolo bianco di medie dimensioni da agricoltura biologica
  • 1-3 cucchiai di sale

Instructions

Lava accuratamente il cavolo e affettalo finementi. Cospargilo con il sale: da 1 a 3 cucchiai in base alle dimensioni.

Mescola il cavolo e il sale con le mani cominciandolo a premere e massaggiare finché comincerà a rilasciare il suo liquido.

Sistema il cavolo in un vaso di vetro, premendolo bene finché sarà ricoperto dal suo liquido. Nel caso in cui non sia completamente sommerso, puoi aggiungere una piccola quantità d’acqua.

Chiudi il vaso con un tappo a pressione o con un filtro per caffè fissato bene con un elastico.

Lascia fermentare per circa 2 settimane a temperatura ambiente (preferibilmente tra i 15 e i 20°C ).

Se il caso è stato chiuso con un tappo ermetico, ricordati di aprirlo per diminuire la pressione causata dalla fermentazione.

Trascorse le due settimane puoi trasferire il vaso in frigorifero assicurandoti che sia ben chiuso e potrai utilizzare i crauti per almeno un mese dopo l’apertura.

CERCA IN TUTTE LE CATEGORIE

Carrello

Nessun prodotto nel carrello.