Plentiness meets Francesca Ciampone, founder di Lerève

Plentiness meets Francesca Ciampone, founder di Lerève

Abbiamo fatto qualche chiacchiera con Francesca, founder di Lerève. Ci ha conquistato con la sua passione travolgente ma anche per la cura e l’energia che mette ogni giorno nel suo progetto. Abbiamo parlato con lei di Lerève, di come è nato ma anche di pratiche sostenibili e di un argomento nell’occhio del ciclone, la “clean” beauty.

Ecco cosa ci ha raccontato.

Francesca Ciampone, founder di Lerève

Ciao Francesca, raccontaci com’è nata la tua idea di creare un brand e una collezione di prodotti per la cura e la bellezza della pelle.

Penso che ognuno di noi abbia dentro di sé un destino già scritto, basta saperlo cogliere! Lerève è quello che mi piace definire come “il mio destino”. In altre parole, ho deciso di trasformare nel mio lavoro quelle che sono le mie più grandi passioni: la natura, i fiori, il benessere, lo sport. In un mondo dove sempre più persone stanno realizzando che il benessere fisico è anche il riflesso di un benessere interiore, ho deciso di portare in Italia ciò che in Europa hanno iniziato a fare da tempo, cioè prendersi cura della propria persona sia dall’interno che dall’esterno, quello che si definisce un approccio In & Out. Non limitando la proposta ad una classica campagna marketing tipica del settore della bellezza, ma avvalorandola con un vero e proprio approccio scientifico, basato su test rigorosi, prove di efficacia che si traducono in risultati concreti. Ciò che spesso manca nelle tante proposte presenti sul mercato credo sia sincerità e trasparenza, quindi ho pensato: perché non io? Perché non Lerève?

Come descriveresti in 5 parole il tuo brand, Lerève?

Lerève rappresenta onestà, concretezza, purezza, speranza, amore. Ci tengo a sottolineare il perché della scelta. Lerève vuole essere un brand onesto, cioè pulito e trasparente, non promette ciò che non può mantenere. Concreto, perché tutto è costruito su basi scientifiche provate da studi di nuova generazione. Purezza, perché tutti i componenti utilizzati nelle nostre formule contengono principi attivi purissimi e bio-disponibili nella massima concentrazione. Speranza, quella di diventare in breve tempo un punto di riferimento italiano nel settore skincare IN&OUT. Last but not least, amore. Lerève è frutto di un amore sconfinato per questo settore a 360gradi, tanto da farmi lasciare il mio precedente impiego per rincorrere un sogno (Lerève) e farlo nascere da sola, esclusivamente con le mie forze.

Come nasce un prodotto Lerève?

Un prodotto Lerève impiega tantissimi mesi prima di arrivare alla commercializzazione. Fin dai primi giorni di questa nuova avventura abbiamo pensato alla sequenza dei prodotti da proporre al pubblico. Le nostre formule nascono da zero nel nostro piccolo laboratorio, per questo motivo abbiamo deciso di concentrarci su un prodotto alla volta; per scelta precisa abbiamo deciso di non sviluppare più prodotti contemporaneamente ma dedicare a ciascuno di esse il 100% del nostro impegno. 

Queste composizioni vengono testate personalmente da me, fino a quando non sono completamente soddisfatta del risultato; la seconda fase prevede poi che siano testate da volontari che compilano schede di valutazione molto articolate. 

Queste opinioni vengono seriamente prese in considerazione per arrivare, dopo un processo che richiede alcuni mesi, alla formulazione finale che tiene quindi conto dei gusti del pubblico.  Formulazione che poi passa alle verifiche di stabilità, ai test dermatologici presso le università (in caso di cosmetici) e infine on produzione o direttamente in produzione nel caso degli integratori. Un esempio per far capire la complessità del processo è la Texture non unta del The Jasmin Elixir: per raggiungerla ha richiesto più di 40 prove di mix tutte diverse tra loro.

Dicci il tuo integratore e il tuo prodotto beauty preferito nella collezione e perché.

Non si chiede ad una mamma qual è il suo figlio preferito 😊!!

Se proprio dovessi fare una scelta direi Skin Beauty Food Day e Night tra gli integratori. È la combinazione di prodotto con cui siamo nati, il nostro trattamento di base, quello studiato per accompagnare nel processo dell’ageing, quello che ti aiuta con compattezza e idratazione, prevenendo l’aging precoce. Tra i cosmetici forse The Jasmin Elixir, uno dei pochi oli che non unge ma che riesce a conferire una luminosità incredibile; un vero passe par tout da applicare sempre, a qualsiasi ora, in qualsiasi situazione, per avere una pelle più idratata, lenita, compatta e sana. Il suo mix di olii lo rende perfetto per la mia pelle mista/sensibile, sia quando è secca, sia quando è più lucida. Lo adoro. 

Ogni giorno veniamo bombardati da messaggi e pubblicità che riguardano nuovi prodotti beauty che promettono di essere la soluzione perfetta. Per quale motivo consigli alla community di Plentiness di provare la collezione Lerève e quali sono i feedback più belli che hai ricevuto da chi li ha provati?

Creiamo prodotti studiati per un obiettivo preciso, con materie prime selezionate certificate e pure, testati e quindi sicuri. Il motivo per cui consiglio di provare il nostro brand è semplicemente questo. Prodotti concepiti per fare esattamente quello che promettono, nessuna speranza irrealizzabile, nessuna bugia. 

La sensazione più appagante è sicuramente quella che provo tutte le volte che un cliente ci racconta di aver ormai lasciato la vecchia strada (magari anche con realtà molto importanti) per seguire il nostro brand, dopo aver constatato una differenza in meglio. Questo è quello ci rende orgogliosi e ci fa impegnare sempre di più nello sviluppo di altre referenze.

Qual è l’approccio della tua azienda alla sostenibilità, dalla filiera al packaging, e quali sono i progetti per il futuro in questo senso?

Estrema attenzione. E non solo per l’attenzione mediatica sempre maggiore su questo tema. Ci sforziamo di selezionare principalmente packaging in vetro o, in caso di materiali plastici, solo se riciclabili al 100% o in alternativa provenienti da riciclo post consumo.

Le nostre carte sono carte naturali, 100% FSC in parte provenienti da scarti di altre lavorazioni, tinte con coloranti non dannosi per l’ambiente e assemblate in un’azienda che si autoproduce energia elettrica da pannelli solari. Il nostro obiettivo principale per il futuro sarà quello di sostituire le plastiche attuali con altre provenienti da fonti rinnovabili a basse emissioni di CO2.

(Scopri di più sotto l’immagine!)

Quanto è importante per te l’essere “Made in Italy”

È un fatto di orgoglio, ma sono anche convinta che per il consumatore Italiano la provenienza dal nostro territorio rappresenti sicuramente una garanzia. 

Non è semplice, abbiamo tante notifiche, tanta burocrazia ma i prodotti che ottengono l’autorizzazione ad essere commercializzati sono sicuri e molto raramente incorrono in problemi. E poi il nostro è il Paese delle eccellenze, sia sotto l’aspetto delle materie prime sia per il livello di manifattura. L’Italia è anche il Paese della bellezza, produrre qui rappresenta un plus soprattutto per un brand attivo nel settore di cui stiamo parlando. Produrre altrove non è un’opzione.

Negli ultimi mesi il concetto di “clean beauty” è stato messo molto in discussione. Una delle questioni più spinose riguarda l’accusa di fare leva sulla paura delle persone piuttosto che dimostrare le fondamenta scientifiche di certe affermazioni. Qual è la tua posizione a riguardo?

Sono e resto dalla parte della salute e della scienza cercando di tenere viva l’attenzione su tutto ciò si ritiene faccia bene o faccia male.

Molti affermano che “la clean beauty” sia una trovata dal genio del marketing di turno di un brand che non aveva altro da utilizzare per sostenere che il suo prodotto era superiore.

Così è nata la cosmesi del SENZA. Ed io con questa affermazione sono ahimè d’accordo, lo confesso. 

Tutto è chimica anche l’acqua di rose è chimica, un insieme di atomi e molecole. La cosmesi è chimica. Abbiamo un ministero che ogni giorno aggiorna gli elenchi di materie prime che si possono utilizzare ed in quali quantità; questo mi dà la sicurezza che tutto ciò che viene inserito in formula (almeno in Italia) è sicuro. 

I prodotti Lerève non contengono siliconi, parabeni, coloranti o materie prime che sono “inutili” perché riteniamo di riuscire a raggiungere textures piacevoli e prodotti sicuri senza doverli utilizzare e questo ci permette di lasciare spazio per attivi in quantità maggiori. Ma non faremo mai parte della cosmesi del senza. Non faremo mai pubblicità su quello che nei nostri prodotti non c’è ma faremo leva sempre e solo su ciò che c’è, che è poi la nostra forza! 

Share this post

CERCA IN TUTTE LE CATEGORIE

Carrello

Nessun prodotto nel carrello.

preloader