Retinolo: cos’è, a cosa serve e come utilizzarlo

Retinolo: cos’è, a cosa serve e come utilizzarlo

Il Retinolo è uno dei composti chimici correlati alla vitamina A che prendono il nome generico di Retinoidi. Ne esistono diversi tipi che si distinguono per struttura, funzioni e intensità.

L’azione di un Retinoide comincia nel momento in cui esso viene applicato sulla pelle e si attiva sulla sua superficie trasformandosi in Acido retinoico. Questa trasformazione comporta un numero di passaggi enzimatici diversi in base alla forma iniziale del Retinoide. Più numerosi i passaggi, più l’azione è debole, ma anche delicata. Più debole non significa meno efficace ma più tempo necessario per benefici visibili.

Il Retinolo è liposolubile quindi riesce a penetrare nello strato corneo e anche (leggermente) nel derma. Gli effetti della sua azione dipendono dalla sua trasformazione in Acido retinoico che avviene in due step.

L’Acido retinoico influenza i processi cellulari sia nell’epidermide che nel derma, esercitando in tal modo potenti effetti sulla salute della pelle.

Ecco i principali benefici dei Retinoidi sulla pelle:

  • favoriscono il turnover cellulare
  • stimolano la produzione di collagene
  • attenuano l’iperpigmentazione
  • aumentano l’elasticità cutanea
  • contrastano l’acne

Alcuni tipi più conosciuti di Retinoidi

Il termine Retinoidi si riferisce a tutti i derivati chimici della Vitamina A e include il Retinolo, il Retinyl acetato, il Retinyl palmitato, il Retinyl proprionate, il Retinyl linoleato la Retinaldehyde e l’Acido retinoico.

Il Retinolo utilizzato in cosmetica viene sintetizzato in laboratorio. Anche se in natura esistono ingredienti ricchi di Vitamina A, non si tratta del tipo che si trasforma in Acido Retinoico. Per garantire i benefici che lo rendono così efficace e famoso nei trattamenti cutanei, il Retinolo deve diventare (o essere) Acido retinoico che va a legarsi ai ricettori di Acido retinoico presenti nelle cellule cutanee.

Tra le varie forme di Retinoidi utilizzati per la cura della pelle, alcuni sono di livello cosmetico (come il Retinolo e gli esteri del Retinolo come Retinil palmitato, Retinil acetato, Retinil linoleato) altri richiedono una prescrizione medica e vengono considerati farmaci (cone l’Acido Retinoico o Retin-A, la Isotretinoina, Adapalene e Tazarotene).

La principale differenza tra i Retinoidi cosmetici e i farmaci è nella potenza e nel tempo necessario per raggiungere risultati ma in generale, anche se il Retinolo richiede un tempo più lungo per mostrare i suoi benefici, porta a effetti eccellenti con il vantaggio di essere più delicato e meglio tollerato da tutti i tipi di pelle.

Cosa fanno i Retinoidi e perché dovrei includerli nella mia skincare routine?

La Vitamina A in forma di Retinoidi agisce sullo sviluppo cellulare, sulla produzione di collagene e sebo.

I Retinoidi sono tra gli ingredienti più studiati in cosmetica negli ultimi 40 anni e le evidenze scientifiche raccolte nel tempo li collocano con ogni diritto come alcuni tra i più efficaci e che possono fare davvero la differenza nell’aspetto della pelle.

Il Retinolo è una delle forme meglio tollerate dalla pelle e lo consigliamo – come fanno i dermatologi – perché è la sostanza che più di ogni altra può garantire risultati significativi nella prevenzione (e addirittura inversione) del photo-ageing, nel controllo dell’acne, nel ritardo dell’invecchiamento cutaneo.

Noi amiamo le liste, quindi ricapitoliamo qui sotto un elenco dei principali benefici riconducibili all’uso di Retinoidi.

  • inibisce la diminuizione del collagene a partire dai 30 anni
  • aumenta l’elasticità
  • migliora la sintesi del collagene
  • migliora la funzione della barriera idrolipidica della pelle, migliorando la compattezza dello strato corneo
  • aumenta il turnover cellulare
  • controlla ed equilibra la produzione di sebo (funzione chiave sia per trattare l’acne sia per la pelle dopo i 40 anni)
  • ripara i danni del photo-aging causato dai raggi UB
  • diminuisce la concentrazione di melanina (causa di iper pigmentazione)
  • è antinfiammatoria
  • stimola la circolazione

Il Retinolo

Come ti abbiamo spiegato sopra, il Retinolo è una forma di Vitamina A estremamente efficace per trattare svariate condizioni della pelle, dal photo-ageing all’acne.

Si tratta di un potente antiossidante che contrasta l’azione dei radicali liberi che accelerano l’invecchiamento cutaneo.

Il Retinolo è indicato per tutti?

Il Retinolo e le altre sostanze topiche derivate dalla Vitamina A sono generalmente sconsigliate alle donne che stanno cercando di rimanere incinta, in gravidanza o nel periodo di allattamento. In questo caso (o se hai notato reazioni molto forti alla sostanza) l’alternativa per te è sicuramente il Bakuchiol.

In caso di pelle estremamente reattiva o in presenza di acne, rosacea e dermatite atopica è in generale buona regola chiedere prima il parere del proprio dermatologo che potrà consigliare la forma più adatta di Retinolo.

Se non ricadi in alcuna di queste condizioni, ci sentiamo di consigliarti un prodotto cosmetico a base di Retinolo, seguendo qualche piccola precauzione iniziale (leggi sotto i nostri consigli).

Come mi consigliate di inserire il Retinolo nella mia skincare routine?

Ti consigliamo di iniziare a introdurre il Retinolo nella tua skincare routine gradualmente, in particolare se hai una pelle sensibile.

Idealmente potresti cominciare utilizzandolo 1-2 volte a settimana e nel momento in cui la tua pelle si abitua salire a 3-4 volte. Se a quel punto lo tolleri bene, puoi passare a un utilizzo quotidiano.

Utilizza il tuo prodotto con Retinolo la sera, perché i raggi UV possono causare un degrado rapido della sostanza, con un impatto negativo sui suoi effetti.

Ricordati di applicare una buona protezione Spf ogni mattina, in qualunque stagione, anche se lavori da casa! Questo consiglio è fondamentale per due motivi, nel caso tu non avessi ancora questa abitudine che è la regola d’oro per la salute e bellezza della pelle:

  • I raggi UV degradano il Retinolo
  • L’aumento del turnover cellulare innescato dal Retinolo potrebbe rendere la tua pelle meno resistente ai raggi UV 

IMPORTANTE: quando inizi ad utilizzare un prodotto al Retinolo la pelle potrebbe andare incontro a un periodo di assestamento conosciuto come “dermatite retinoide”. I sintomi non sono gravi e comprendono arrossamento, secchezza e un pò di irritazione. Il fatto che stimoli il turnover cellulare potrebbe causare un lieve effetto peeling con pelle che si squama. In caso di acne non sono rari iniziali episodi di “purging”. In ogni caso non ti scoraggiare perché è del tutto normale. Abbi pazienza e dosa l’utilizzo fino a che la pelle si abitua.

Se l’irritazione dovesse continuare in modo accentuato, ti consigliamo di sospendere l’utilizzo e valutare alternative più leggere.

Posso utilizzare il Retinolo con altri prodotti? Ci sono abbinamenti che sconsigliate? 

Ci sono abbinamenti più consigliati di altri e alcuni più controversi.

Una delle accoppiate che amiamo è quella con la Niacinamide perché ha il potere di attenuare gli effetti irritanti del Retinolo.

Gli step di una skincare routine serale con Retinolo che ti suggeriamo sono:

  • detergi perfettamente il viso, rimuovendo ogni traccia di impurità, sporco, Spf e make up
  • tampona la pelle con un asciugamano e applica un Siero a base di Niacinamide
  • quando il siero è asciutto, procedi con il tuo prodotto a base di Retinolo
  • applica una crema idratante

Altri ingredienti che consigliamo nella tua skincare routine una volta che inizi a utilizzare il Retinolo sono:

Il nostro consiglio è di provare il Retinol Night Treatment di Jorgobé che è arricchito con Ceramidi e Acido Ialuronico e aumenta l’idratazione della pelle sino a 72 ore dopo l’applicazione: questo significa che non avrai bisogno di aggiungere lo step della crema idratante dopo averla massaggiata sul viso.   

Evita di utilizzare molti prodotti esfolianti quando tratti la pelle con il Retinolo: limitati a 1-2 trattamenti settimanali al massimo e non nella stessa routine. Le opinioni sull’abbinamento con acidi AHA e BHA è molto controversa ma pensiamo che se scegli varianti delicate e non esageri potrebbero addirittura aumentarne i benefici!

Quando mi consigliate di cominciare a utilizzare un prodotto con Retinolo?

Per noi non esiste un età ideale. Considera che la pelle raggiunge il suo apice funzionale intorno ai 30 anni e poi comincia un graduale degrado. Ecco perché pensiamo che a partire dai 30 anni il Retinolo sia assolutamente una buona idea!

Quanto ci vorrà per vedere i primi effetti del Retinolo? 

In generale si cominciano a notare miglioramenti visibili con un utilizzo costante dopo:

  • 4-12 settimane in caso di Acne
  • 12-24 settimane in caso di linee d’espressione, rughe e perdita di tono/densità
  • 24 settimane in caso di iper-pigmentazione

Scopri il nostro trattamento al Retinolo preferito: il Retinol Night Treatment di Jorgobé

retinolo 101

Share this post

CERCA IN TUTTE LE CATEGORIE

Carrello

Nessun prodotto nel carrello.